Lasciateci studiare!

L’educazione è fondamentale per tutte le persone. Tutti i bambini dovrebbero ricevere un’educazione poiché questa è uno dei diritti umani basilari. Per noi, rifugiati palestinesi, è considerata come una spada per affrontare tutti i problemi. In questi giorni, ricevere un’educazione è davvero difficile perché necessita di molti soldi e di luoghi confortevoli. Sfortunatamente questi bisogni non vengono forniti nel nostro campo.

Qui nel campo di Burj Al-Shamali ci sono solo tre scuole che sono supportate dall’UNRWA. L’UNRWA è un’agenzia di soccorso e di sviluppo umano per i rifugiati palestinesi nel vicino Oriente. Essa supporta queste scuole economicamente ma a causa dei numerosi problemi politici, i servizi dell’UNRWA sono stati maggiormente ridotti. Le classi sono diventate più affollate ( ognuna contiene circa 40 studenti), rendendo difficile capire le lezioni ed ascoltare l’insegnante mentre spiega.Inoltre, non abbiamo una scuola secondaria, per cui dobbiamo uscire dal campo ed andare in un altro (Al Rashedieh) per continuare ad imparare. Il trasporto è a carico delle famiglie ed è troppo costoso per noi perché queste hanno molti bambini di cui prendersi cura. In più, abbiamo solamente due scuole secondarie nel sud del Libano.

Se camminiamo vicino le scuole sentiamo l’odore nauseabondo causato dall’immondizia che c’è intorno. Questo porta a rovinare la vista circostante e non consente di avere un bell’ambiente per il processo di apprendimento.

Il numero degli alunni che si ritirano da scuola è aumentato. UNRWA adotta la politica di integrazione tra le scuole primarie e secondarie, che porta ad un successivo impatto sul comportamento dei bambini. Inoltre, la politica educativa automatizzata dell’UNRWA del livello primario ed intermediario ha peggiorato la situazione. Questa politica afferma che dovrebbe esserci una percentuale specifica di studenti che devono passare la loro classe. Questa percentuale oscilla tra 80% e 100% per la prima classe, per la seconda e la terza è al 100% e quella per i gradi fino al nono tra l’80 ed il 95%.

L’educazione sta vivendo un rapido e drammatico declino;  il livello di promozione dell’educazione intermediaria ha raggiunto i valori minimi quest’anno (2019), raggiungendo negli esami ufficiali appena il 28% dei brevetti, mentre, le statistiche mostrano che lo scorso anno il grado di successo negli esami ufficiali era al 54%. Nonostante queste condizioni miserabili, gli studenti possono eccellere nelle scuole secondarie, dopo aver superato il livello intermediario, raggiungendo gli standard accademici, arrivando nella top ten del Sud e ottenendo gradi distintivi.

Fatima Al Ahmad, Safaa Al Issa, Nour Al Awad

Your Comment: