Esperienza personale come insegnante di supporto dell’UNRWA

Ciao, sono Sara. Sono un insegnante dell’UNRWA dal 2014 e dopo un anno sono diventata un’insegnante di sostegno all’apprendimento.  Di solito entro in una certa classe elementare (primo o secondo grado) per aiutare studenti con bisogni speciali, specialmente quelli che hanno difficoltà a leggere e scrivere.

Seguo dagli 8 ai 10 studenti tra i 40 presenti per classe. Mi focalizzo sulla loro calligrafia e li aiuto a riconoscere lettere, suoni e ad associarli in modo da formare una parola e leggerla. In più do session extra fuori dalla classe agli studenti per supportarli con attività addizionali per far fronte ai loro compagni di classe. Queste sessioni includono canzoni, video, immagini e carte per semplificare le lezioni e avvicinarli ad esse. Includono anche schede da completare in coppia o in gruppo, brainstorming, esempi dalla vita quotidiana, coordinare le parole con le immagini, usare l’argilla per scrivere una lettera o una parola etc. Io, come insegnante di sostegno all’apprendimento, sono responsabile di aumentare il livello di pensiero dei miei studenti ad essere dei membri attivi e fiduciosi in sé stessi in modo da costruire una loro personalità..

Ogni anno partecipo anche all’attività di apprendimento estivo che dura 15 giorni. Quest’attività comprende studenti del quinto e sesto grado, ma anche del primo e secondo, ma io sono interessata di più al quinto e sesto. Il materiale è un libro di inglese ed un libretto di attività psico-sociali per attirare gli student e motivarli. Il libro include approssimativamente 10 lezioni ognuna rigurdante la nostra vita quotidiana come, i centri commerciali, il cibo palestinese, l’amicizia, i libri etc.. ogni lezione si focalizza in diverse attività: lettura, scrittura, parlare e ascoltare. Prima di iniziare la lezione facciamo un accordo di classe (fatto dagli studenti in gruppo) per rendere l’atmosfera attiva e confortevole.

Per ultimo , organizziamo un giornata a porte aperte. Questa include la presentazione del lavoro degli studenti durante le attività, i giochi, i disegni riguardo il cibo palestinese, la bandiera… accompagnata da caramelle, succhi e musica. Alla fine distribuiamo regali e facciamo foto. Delle volte se abbiamo abbastanza soldi portiamo gli studenti fuori (al ristorante o al cinema) per godersi la vita normale come la maggior parte dei bambini del mondo.

Your Comment: